Dal 31 maggio 1968 al 15 agosto 1970

 

31 maggio 1968

Mentre mi accostavo alla Comunione vidi tornare la "Luce" e poi improvvisamente vidi davanti a me una croce nera molto grande.

La croce si allontanò e poi si fermò. Sulla croce scese dall'alto un fascio di raggi luminosi, cosi largo e potente che non vedevo più la croce. Poi la "Luce" se ne andò; parole non ne udii, provai solo una sensazione celestiale ed avevo la netta impressione che il Signore fosse presente.

 

31 maggio 1969

Ero a Parigi. Mentre mi comunicavo nella chiesa della Rue du Bac vidi di nuovo la "Luce" ed ebbi la netta impressione che il Signore fosse certamente presente.

Ricevetti in me le seguenti parole, pur non avendole sentite pronunciare:

"Ciò che iniziò qui, verrà portato avanti dalla Signora di tutti i Popoli".

Poi vidi un gruppo di persone ed era come se io vedessi sempre nuovi gruppi di persone e presso ogni gruppo vedevo un sacerdote. E dopo aver visto tutto ciò la "Luce" andò via lentamente.

 

25 marzo 1970
Annunciazione

Quando cominciò la Comunione vidi la "Luce" venire sull'altare. Questa volta la "Luce" non era come io sempre l'avevo vista, era diversa, e io sentii in me: "La Luce è coperta". Non so cosa ciò potesse significare.

Quando mi accostai alla Comunione e tornai al mio posto, ricevetti ancora una volta la netta sensazione che il Signore fosse molto vicino a me ed in me. Nello stesso momento la "Luce" cambiò e si fece più bella e più splendente che mai. Alla fine della Messa la "Luce" si allontanò molto lentamente.

Verso le cinque del pomeriggio osservavo dalla finestra della nostra casa, nel viale Kennedy, una processione per il XXV anniversario della prima apparizione. Queste persone erano radunate nel Palazzo dei Congressi e si dirigevano verso il luogo dove deve sorgere la chiesa della Signora.

Mentre stavamo parlando animatamente di ciò, vidi ad un tratto la "Luce" illuminare tutta la zona e quelle persone. Era come se il cielo si fosse aperto. Nello stesso momento udii la voce della Signora. Pensai: "Questo non è possibile". Infatti la Signora mi aveva detto che non l’avrei più sentita.

Perciò mi commossi molto quando udii di nuovo la sua voce. Aveva forse fatto un'eccezione per questa festa? Purtroppo non la vidi. Essa parlò più rapidamente delle altre volte e, per la commozione non ripetei ad alta voce le sue parole.

La Signora disse:

"Oggi hai nuovamente incontrato il Signore. Oggi ti è concesso di udire ancora una volta la mia voce".

Dopo un attimo di pausa la "Voce" continuò:

"Avrei voluto portare un messaggio importante e gioioso. Ma essi non hanno ascoltato".

Vidi allora accavallarsi onde sul suolo, e pareva un mare agitato. Udii:

"Le onde della corruzione, delle calamità e della guerra minacciano sempre di più la terra. Non lasciatevi trascinare dalla marea della confusione spirituale. Apostoli del Signore, restate fedeli alla vostra vocazione divina".

La Signora fece un attimo di pausa e poi disse con molta tristezza:

"E voi, che vi siete smarriti, tornate indietro".

Poi vi fu silenzio e vidi la "Luce" diventare ancora più bella, più grande e più impressionante. Udii la Signora dire:

"L’ora è vicina. Tu, figlia, ti sei comportata bene, molto bene, proprio come noi volevamo. Non temere. Dillo al tuo vescovo".

La "Luce" se ne andò lentamente. Sentii che la "Voce" diceva (questa volta come se venisse da lontano):

"Addio".

 

31 maggio 1970
Corpus Domini - Maria Regina

Durante la Santa Messa mi è accaduto quanto segue.

Poco prima della Consacrazione ho visto una grande superficie nera, che si è poi trasformata in una grande croce nera.

Poi in questa croce nera si formò una croce più piccola, più sottile, luminosa che irradiava "Luce" in tutte le direzioni. Stava dentro la croce nera e risplendeva di una luce talmente intensa che la croce nera ne fu completamente inondata.

Durante la Consacrazione vidi un anello di "Luce" radiante formarsi attorno al Calice quando questo venne sollevato. Dal Calice emerse in posizione orizzontale come un' "Ostia Spirituale". Era traslucida. Poi assunse una posizione verticale e si pose sopra il Calice. Vidi una differenza fra l'Ostia che si trovava davanti al sacerdote e questa "Ostia spiritualizzata". Quest'ultima irradiava in tutte le direzioni una "Luce" cosi pura che gli occhi mi facevano male.

Il sacerdote prese poi l'Ostia che si trovava dinnanzi a sé e la sollevò. Vidi allora che l’"Ostia spiritualizzata" si univa all'Ostia che il sacerdote sollevava, ed era tutto un brillare di "Luce". Era cosi formidabile a vedersi, che non vi sono parole adatte per descriverlo.

Vidi allora che la "Luce" che si irradiava attorno al Calice e al sacerdote si dirigeva verso il punto della nostra camera dove la Signora era sempre apparsa. Poi le due luci si unirono in una; nel frattempo si era formata nella stanza anche la "Luce" che sempre vedevo splendere quando veniva la Signora. La camera intera era un mare di "Luce".

Il Calice stava ora sul tavolo, vidi sangue uscire dal Calice e udii:

"Mi hanno di nuovo schernito. Mi hanno di nuovo inchiodato alla croce. Ripara".

La "Luce" restava nella stanza. Poi fu come se la "Luce" venisse spostata e vidi il sacerdote pronto per darci la Comunione. Quando ricevetti Nostro Signore, udii una frase in un idioma molto strano. Domandai: "che significa ciò?" Udii rispondere:

"Io sono colui che sono".

(Non era la voce della Signora). Non compresi il senso di questa frase. Allora la "Voce" disse, dopo una pausa:

"Diffondi il messaggio per tutta la terra"

E poi, come un comando:

"Recita per questo fine il rosario questo pomeriggio".

Poi la "Luce" se ne andò lentamente e io potevo vedere di nuovo tutto ciò che mi stava attorno.

 

15 agosto 1970

Il 15 agosto 1970, mentre mi trovavo nella cappella del Segretariato della "Signora di tutti i Popoli" (nella Diepenbrockstraat ad Amsterdam, dove il 26 giugno 1970 era stato collocato provvisoriamente il quadro della Signora di tutti i Popoli), durante la Celebrazione Eucaristica ebbi la seguente esperienza.

Durante la Comunione, vidi ad un tratto la "Luce" della Signora. Poi, ai due lati di quella "Luce", apparve una "Luce" ancora più grande, celestiale, enorme che lentamente si diffondeva sopra la "Luce" della Signora.

Era come se la "Luce" della Signora venisse posta in ombra. Vidi allora giungere dall'alto, da un'altezza smisurata, una "Luce" che si stese a ventaglio fino ad una certa altezza sopra quell'altra "Luce".

Era tutta un'altra specie di "Luce". È difficile da spiegare ma mi sembrava una sostanza tutta diversa. Vorrei dire ancora più spiritualizzata. Non avevo mai visto prima quella specie di "Luce".

Mentre la guardavo, sentii una Voce che non avevo mai udito prima:

"Da qui sgorgherà il corso d’acqua".

Mentre veniva detto questo, vidi un fiume molto largo di acqua purissima scorrere a grande velocità. In quell'acqua vidi scorrere come delle stelle che luccicavano in tutte le direzioni, tanto che le scintille sprizzavano dall'acqua. In mezzo era come se sgorgasse dell'oro. Era una vista splendida e toccante. E sopra quel fiume, quella triplice "Luce" che illuminava tutto...

Il fiume continuò a scorrere per molto tempo, e poi, lentamente, tutto sparì alla mia vista. E dissi dentro di me: "Signore ti ringrazio per avermi dato la possibilità di vedere tutto ciò" (questo d'altronde l'ho sempre detto quando ho potuto vedere o sentire qualche cosa).

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva