Cinquantaduesima visione - 31 maggio 1956 (Corpus Domini)

 

(Ore 22.00, a casa della Veggente).

Appare una forte luce e da essa esce la Signora che dice: "Oggi sono venuta per questi" - la Signora li indica, descrivendo un cerchio con la mano. "In verità ti dico, il Signore Gesù Cristo ha inviato qui la Signora di tutti i Popoli, secondo la promessa. Di' questo al tuo Vescovo. Di' questo al tuo padre spirituale".

Adesso la Signora mi guarda e mi sorride mentre dice: "Tu ti sei comportata bene. L’ubbidienza è il tuo primo dovere". Qui la Signora rimane in silenzio per un attimo e poi riprende: "Avevo detto: «vai al Wandelweg»". Questo la Signora me lo aveva comandato nel pomeriggio, esattamente alle ore tre, ed io avevo risposto: "Questo non posso farlo. Devo ubbidire a Padre Frehe. Gli ho dato la mia parola d'onore"[1].

La Signora mi sorride e dice: "Tu hai ubbidito. Così sia. Questo ha chiesto il Signore". Adesso la Signora fa una pausa e poi dice (mentre guarda in lontananza): "È per il bene della città - comprendano bene cosa intende la Signora - che la Signora ha voluto questa obbedienza".

La Signora rimane in silenzio per un po' di tempo, poi guardando intorno a sé dice: "Adesso la Signora ti mostrerà in presenza di questi testimoni, come e dove verrà costruita la chiesa della Signora di tutti i Popoli".

Poi la Signora per lungo tempo non dice niente. Improvvisamente ci troviamo su un prato. La Signora dice: "Guarda bene". Essa indica verso destra e continua: "Non là ma qui". La Signora mi indica chiaramente il posto e dice: "Ora te lo mostro. Più tardi dovrai dirlo anche agli altri". Ora vedo chiaramente il luogo, sul Wandelweg, dove deve sorgere la chiesa. La Signora dice nuovamente: "Guarda bene...". Attende un attimo e prosegue: "Essi incontreranno delle difficoltà, è un grande appezzamento di terreno che in seguito sarà circondato da una porzione abbastanza grande della città" (l’argine era sparito). Ora improvvisamente vedo una grande chiesa e la Signora dice: "Tu vedi tre cupole sulla chiesa. Una grande - la Signora me la indica - e due più piccole in ambedue i lati" (ai due lati vedo adesso due cupole più piccole, esse sono verdi).

La Signora dice solennemente: "Adesso entriamo nella casa del Signore". È come se entrassimo in una grande chiesa. È una chiesa calda, non posso esprimere meglio la mia impressione. Mentre procediamo verso l'interno vedo una grande piattaforma e la Signora inizia a parlare, mi mostra tutto e mi dice: "In mezzo, la croce. Il miracolo quotidiano," - la Signora indica il tabernacolo - "l'altare del Sacrificio della Croce". 

Poi mi indica il lato dell'Epistola[2]. Congiunge le mani e dice molto solennemente: "L’altare del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo". Poi la Signora indica il lato del Vangelo: "Da questa parte l'altare della Signora di tutti i Popoli. Guarda bene: sullo stesso piano". La Signora indica tutto questo e prosegue: "Sembra un semicerchio" (vedo un semicerchio grande, e due più piccoli ai lati). La Signora prosegue: "Un grande semicerchio e ad ambedue i lati uno più piccolo. Il tavolo del Sacrificio in mezzo, e dietro raffigurata l'Ultima Cena". La Signora indica l'altare centrale. Poi va al lato dell'Epistola e dice: "Qui puoi vedere il Padre seduto sul globo terrestre". Vedo adesso la raffigurazione del Padre, che tiene nella mano destra una croce. Sopra questa raffigurazione una colomba, che emana raggi in tutte le direzioni. La Signora dice: "Egli, con la croce in mano, è illuminato dai raggi dello Spirito Santo, raffigurato dalla colomba che emette raggi in tutte le direzioni".

La Signora indica dal suo posto il lato dell'Epistola e dice: "L’altare della Signora, mi raffigura come io vengo" (qui vidi scolpita la raffigurazione della Signora, cosa che mi meravigliò: confrontandola con l'immagine dipinta pensai che questa raffigurazione scolpita non era esatta). La Signora sorride e dice: "Qui non è rappresentata l'attuale immagine". Mi indica di seguirla. Ci rechiamo ora dalla parte del Vangelo. La Signora dice: "Là (più a lato) in una cappella a parte è esposto il quadro. Così ha voluto il Signore Gesù Cristo. Poi voglio ancora dirti che la Signora ti ha messo alla prova" (qui la Signora fa una pausa).

[3] [Nel messaggio di quel giorno, la Signora si fece, con il pollice, un segno di croce sulle labbra e disse: "Non ripetere ciò che sto per dirti". Disse poi: "Di' al Sacrista del Santo Padre che riferisca quanto segue: il celibato è ancora la grande forza della Chiesa (questo lo disse con enfasi). "C'è chi vorrebbe diversamente. Solo in grandi eccezioni. Dì questo. Lui mi capirà".]

"Essa non apparirà nel posto dove sarà costruita la chiesa. Chiedi che il quadro adesso possa essere esposto di nuovo in pubblico". (Qui vedo come in un lampo la cappella della chiesa di S. Tommaso). "In seguito sarà riportato nella casa del Signore Gesù Cristo". Mi mostra la chiesa che dovrà essere costruita in futuro. La Signora attende nuovamente un attimo e riprende dicendo: "Adesso io ho parlato per tutti i popoli. Riferisci questo. Quando l'immagine sarà riportata, la Signora darà la sua benedizione". Adesso attende un attimo e prosegue: "Devo dare ancora una risposta. La Signora di tutti i Popoli parlò e parla per volontà del Signore Gesù Cristo, là, dove Egli è presente". Fa una pausa e poi dice: "Anche il Signore Gesù Cristo non attese col Suo grande miracolo" - adesso la Signora parla piano e con enfasi - "di cambiare l'acqua in vino finché Sua Madre non parlò? Egli avrebbe fatto il Suo miracolo, ma attese finché Sua Madre non avesse parlato. Comprendi questo? Questa è la mia risposta per oggi a coloro che non hanno voluto comprendere che la Signora è apparsa nella chiesa di S. Tommaso il 31 maggio 1955[4]. Poi la Signora fa di nuovo una pausa e quindi guardando davanti a sé con un espressione triste dice: "La Signora dice questo anche per coloro che sono in errore[5]. Questo pensiero deve aiutare a comprendere il rapporto che la Signora ha con il loro Signore. Riferisci tutto bene". Adesso la Signora guarda davanti a sé rattristata e dice: "Io volevo portare un importante e lieto messaggio. Chiedi che l'immagine venga riportata in pubblico".

Poi la Signora si allontana lentamente, molto lentamente.

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva