Cinquantesima visione - 31 maggio 1954 (festa di Maria Mediatrice di tutte le grazie)

 

[1]

"Sono di nuovo qui. La Corredentrice, Mediatrice e Avvocata si trova davanti a te. Ho scelto questo giorno; in questo giorno la Signora avrà la sua incoronazione. Teologi e apostoli di nostro Signore Gesù Cristo, ascoltate attentamente.

Vi ho dato la spiegazione del dogma. Chiedete questo dogma e lavorate per esso. Voi dovete supplicare il Santo Padre di preparare questo dogma. Il Signore Gesù Cristo fece grandi cose, e darà ancora di più a voi tutti in questo tempo, in questo ventesimo secolo. In questo giorno la Corredentrice, Mediatrice e Avvocata riceverà il suo titolo ufficiale di «Signora di tutti i Popoli». Nota bene: questi tre concetti in un gesto unico. Questi tre". Adesso la Signora mi mostra tre dita e con l'altra mano fa un movimento rotatorio attorno a sé, ed io vedo una nebbia che l'avvolge. "E adesso faccio vedere ai tuoi teologi i tre concetti. Questi tre concetti in un unico gesto. Io dico questo due volte, perché ci sono alcuni che vogliono solo un unico concetto. Il Santo Padre sarà d'accordo, ma lo dovete aiutare. Comprendere bene tutto questo".

E adesso è come se mi trovassi improvvisamente con la Signora sopra la cupola di una grande chiesa e sento la Signora dire, mentre entriamo: "Ti porto con me là dentro. Riferisci ciò che ti faccio vedere e sentire". Adesso ci troviamo  in una grande chiesa, in S. Pietro. Vedo molti cardinali e vescovi. Ora entra il Papa. Viene portato su una specie di sedia. La gente applaude, il coro inizia. Adesso il Santo Padre dice qualcosa mentre alza due dita.

Poi improvvisamente la Signora si trova nuovamente sul mondo e dice sorridendo: "Cosi, figlia, ti ho fatto vedere qual è la volontà del Signore Gesù Cristo. Questo giorno sarà il giorno dell'incoronazione di Sua Madre, la Signora di tutti i Popoli, che una volta era Maria".

Ora la Signora rimane immobile e guarda lontano senza dire nulla. Questo atteggiamento dura un po' di tempo, poi continua dicendo: "La Signora rimase con i suoi apostoli finché venne lo Spirito. Cosi anche la Signora può venire ai suoi apostoli e popoli di tutto il mondo, per riportare loro di nuovo lo Spirito Santo. Il Vero Spirito Santo deve però sempre essere invocato prima delle grandi decisioni". Poi, dopo un'ulteriore pausa, la Signora dice a voce bassa: "E Maria rimase con i suoi apostoli".

La Signora rivolge lo sguardo lontano, davanti a sé, e dice lentamente e chiaramente: "La mia profezia: «D'ora in poi tutti i popoli mi chiameranno beata», sarà adempiuta più che mai, quando il dogma sarà proclamato. Il Santo Padre conosce il suo tempo. Egli preparerà e adempirà a questo prima di essere portato tra di noi. In quel giorno tutti i popoli mi chiameranno beata. Io sono venuta in questo giorno affinché (e la Signora indica attorno a sé) testimonino che veramente e realmente la Signora di tutti i Popoli ha detto questo.

Io ho detto: Chiesa di Roma, verrò ancora poche altre volte. Con ciò la Signora di tutti i Popoli voleva dire: solo alcune volte prima della proclamazione del dogma. Presta bene attenzione: adesso viene il segno. La Signora di tutti i Popoli può, sotto questo titolo, venire ogni anno ai suoi figli, ai suoi apostoli, a tutti i popoli. Io sono venuta in diversi modi nel mondo". Ora la Signora rivolge lo sguardo verso il mondo e con un'espressione triste scuote il capo: "Io ti chiedo: è servito a qualcosa? Il Signore Gesù Cristo vuole ancora concedere un grande favore al mondo, e cioè la parola, la voce di Sua Madre, la Signora di tutti i Popoli. Tramite questo strumento in un piccolo paese che sta sul precipizio la Signora di tutti i Popoli porterà ogni anno ammonimenti e consolazioni. Più tardi questo finirà. Figlia, essi ti crederanno. Io sono qui. Starò al tuo fianco e ti aiuterò. L’immagine dovrà essere esposta in pubblico. Chiedi questo al tuo Vescovo. Egli permetterà che venga esposta[2]. Egli permetterà che la chiesa che ti ho fatto vedere venga costruita. Tutti dovranno impegnarsi per questo. Di questo al tuo padre spirituale. Io aiuterò lui, così come gli altri. È la mia preghiera. Dillo questo al tuo Vescovo! Darà il suo consenso. No figlia, non aver paura".

Adesso la Signora rivolge lo sguardo davanti a sé, attendendo un po' prima di proseguire: "D'ora innanzi tutti i popoli mi chiameranno beata. La Signora di tutti i Popoli desidera unità nel Vero Spirito Santo. Il mondo viene avvolto da un falso spirito, da satana.

Quando il dogma, l'ultimo dogma della storia Mariana, sarà proclamato, allora la Signora di tutti i Popoli donerà la Pace, la vera Pace al mondo. I popoli però devono recitare con la Chiesa la mia preghiera. Essi devono sapere che la Signora è venuta quale Corredentrice, Mediatrice e Avvocata. E così sia!

Io tornerò nuovamente così come ho promesso oggi, ma pubblicamente. No, figlia, non temere! E così sia".

Poi la Signora fa una lunga pausa, e quindi dice: "Adesso parlo ai popoli di tutto il mondo: apostoli e popoli, inginocchiatevi davanti al Signore e Creatore e siate riconoscenti. La scienza di questo mondo ha fatto dimenticare agli uomini la riconoscenza. Essi non conoscono più il loro Creatore. Popoli, siete stati avvertiti, inginocchiatevi umilmente davanti al vostro Creatore. Implorate la Sua misericordia. Egli è misericordioso. Non vi dà forse prova di ciò in questo tempo? Il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sia con voi tutti i giorni della vostra vita. Possa il Padre e il Figlio portarvi la Signora di tutti i Popoli. Chiunque e qualunque cosa voi siate, io posso essere per voi la Madre, la Signora di tutti i Popoli. Provvedete, popoli, affinché coloro che sono bisognosi - e con ciò intendo anche il bisogno spirituale - siano portati alla Signora. Lavorate tra gli altri con la mia preghiera".

Poi la Signora si interrompe nuovamente per qualche istante e quindi dice: "La Signora tornerà ogni anno".

E poi si allontana lentamente.

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva