Quarantanovesima visione - domenica 4 aprile 1954

 

Vedo la Signora con un'espressione molto seria. Essa mi dice: "Sono nuovamente qui. Ascolta bene. Fin dal principio la serva del Signore è stata scelta per essere la Corredentrice. Di' ai tuoi teologi che possono trovare tutto nei libri". Adesso rimane in silenzio per un attimo e poi, sorridendo, dice sottovoce: "Io non porto alcun insegnamento nuovo. Porto adesso antichi pensieri". Ancora una volta si ferma per un attimo e poi continua: "perché Maria è Corredentrice ed è anche Mediatrice e Avvocata. Non solo perché è la Madre del Signore Gesù Cristo ma, sta bene attenta, anche perché essa è la Immacolata Concezione. Teologi, Io vi chiedo: avete ancora obiezioni contro questo dogma? Queste parole e pensieri li potrete trovare. Io vi chiedo di lavorare per questo dogma. No, non abbiate timori. Esso susciterà opposizioni. Loro, gli altri, vi attaccheranno, ma la semplicità di questo dogma sta in quest'ultimo pensiero che Maria, la Signora di tutti i Popoli, oggi vi dà. Lottate e chiedete questo dogma. È per l'incoronazione della vostra Signora". La Signora dice tutto questo accentuando quasi ogni parola. Poi guarda lungamente davanti a sé con un'espressione particolare, come se guardasse lontano. Prosegue: "La Signora, Serva del Signore, venne scelta e concepì per opera dello Spirito Santo".

Poi attende un attimo e dice lentamente: "La Signora è stata scelta. Perciò doveva essere anche presente alla discesa dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo doveva scendere sugli Apostoli," - e, mentre alza l'indice, la Signora prosegue con enfasi dicendo - "i primi teologi! Perciò il Signore ha voluto che Sua Madre fosse presente. Sua Madre, la Signora di tutti i Popoli, divenne, al ritorno del Figlio al Padre, la Signora di tutti i Popoli, la Corredentrice, Mediatrice e Avvocata, in presenza di un apostolo, un teologo. Egli doveva prendersi cura della Madre, ed essa doveva prendersi cura dei suoi apostoli". Ora la Signora mi guarda e dice con enfasi: "È l'ultima volta che la Signora di tutti i Popoli parla di questo dogma. Essa verrà ancora per altre questioni. Di' ai tuoi teologi che adesso hanno tutto nelle loro mani: ora essi devono adempiere la volontà del Signore Gesù Cristo. Questo dogma dovrà essere la pietra angolare del pensiero Mariano. Di' ai tuoi teologi che la Signora di tutti i Popoli vuole vederlo compiuto".

Adesso la Signora allarga le braccia come se volesse proteggere qualcosa. E dice: "Sarò al fianco del Santo Padre. Presta attenzione alle mie parole: egli riceverà la forza per preparare tutto. Avverranno molti cambiamenti". Adesso vedo chiaramente la Signora sopra San Pietro ed è come se tutto stesse girando. Poi la Signora prosegue: "Che il Santo Padre realizzi il suo grandioso piano al più presto possibile. Digli che la Signora di tutti i Popoli lo ha aiutato e lo sosterrà con la forza che gli sarà necessaria. Il Santo Padre sa tutto ormai. La Signora gli darà la forza, la forza di cui avrà bisogno. Egli sa cosa possiede".

Adesso le braccia della Signora tornano nella solita posizione ed essa prosegue dicendo con enfasi: "Di' al Sacrista che tutto andrà bene. Che agisca e perseveri come la Signora desidera".

Adesso la Signora mi guarda sorridente, e muovendo il dito dice: "Poi viene il tuo Vescovo. Tu devi chiedergli se vuole divulgare la preghiera e i messaggi". (Io dico alla Signora che egli non vorrà fare questo, e che ho timore di dirglielo). La Signora mi guarda per cosi dire con compassione e sorridendo mi dice: "Non avere timore, figlia, ma chiedi soltanto questo. Digli che il tempo adesso è venuto. Egli può confermare ufficialmente che è la mia preghiera. Egli può autorizzare la costruzione della chiesa. I segni sono nelle mie parole, digli questo. Digli anche che la Signora vuol che la sua immagine venga ora esposta al pubblico con le parole: la preghiera viene da sua Madre Maria, che vuole essere la Signora di tutti i Popoli. Digli che Maria si assume tutta la responsabilità in merito. In seguito darò altri segni, quando le mie parole cesseranno. Io tornerò per parlare ai popoli. Ma tutto ciò doveva avere la precedenza".

Adesso la Signora guarda davanti a sé con un'espressione seria. Sul mondo, sul quale essa si trova, si addensano pesanti nuvole, mentre il mondo gira velocemente. La Signora indica il mondo e dice con molta tristezza: "Guarda il mondo! Sta bene attenta a quello che ti dirò". Ora la Signora alza la mano destra e me la mostra. Io vedo come un grande dado, poi la Signora scuote la mano sopra il mondo e prosegue: "La mano di satana, che tiene un dado, sta sopra tutto il mondo. Sai tu Chiesa - Comunità - cosa significa ciò? Satana è ancora il principe di questo mondo. Egli si aggrappa a tutto ciò che può. Per questa ragione la Signora di tutti i Popoli doveva venire adesso, in questo tempo. Essa è l'Immacolata Concezione e perciò anche la Corredentrice, Mediatrice e Avvocata.

Questi tre attributi sono uno solo. Teologi, avete ascoltato bene? La Signora ha dovuto portare adesso la sua preghiera su questo mondo satanico. Lo Spirito Santo deve ancora venire sui popoli. Comprendete bene questo messaggio. Recitate perciò, o popoli, la mia preghiera affinché veramente e realmente venga lo Spirito Santo".

A questa ultima frase Maria congiunge e alza le mani come se volesse insegnare agli uomini come devono pregare. Poi la Signora attende un po', mi guarda con un'espressione seria e tuttavia sorridendo mi dice: "E tu, figlia, hai paura di divulgare tutto questo? La Signora poi ti dice: gli uomini devono venire con tutti i loro bisogni spirituali e fisici, la Signora è qui, li riporterà indietro e li aiuterà. Fa' della tua vita un sacrificio, di' al tuo padre spirituale che il Signore sceglie sempre i deboli per i suoi mirabili disegni. Che egli stia tranquillo".

Poi la Signora guarda in lontananza e dice: "E a tutti gli altri dico: lavorate e lottate per la Signora di tutti i Popoli. Essa deve venire in questo tempo. Io vi aiuterò. Io tornerò il 31 maggio".

Poi la Signora si allontana lentamente.

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva