Trentatreesima visione - 31 maggio 1951

 

[1]

La Signora appare e dice: "Sono qui e vengo per dirti che voglio essere Maria, la Signora di tutti i Popoli. Guarda bene. Mi trovo davanti alla croce del Redentore. Il mio capo, le mie mani e i miei piedi come quelli di un essere umano, come quelli del Figlio dell'Uomo. Il corpo come dello Spirito. Ho posto i miei piedi fermamente sul globo perché il Padre e il Figlio vuole portarmi in questo periodo in questo mondo come Corredentrice, Mediatrice e Avvocata. Il nuovo ed ultimo dogma mariano sarà questo. Quest'immagine lo precederà. Questo dogma sarà molto contestato ma verrà portato a compimento. Ho ripetuto queste cose perché tu le chiarisca al tuo direttore spirituale e ai teologi, per essere capace di confutare le loro obiezioni. Ora sta' attenta e racconta ciò che ti mostro. Questa è l'ultima indicazione che do riguardo all'immagine. Guarda bene: Mi trovo in piedi sul globo; intorno al globo, figlia mia, credevi di vedere nuvole. Ma guarda bene ciò che ti mostro". Ed ora vedo le nuvole cambiarsi in pecore. Da sinistra a destra, intorno al globo, dal basso e dai due lati, emerge un gregge di pecore. Qua e là vedo fra loro, pecore nere. Ai piedi del globo si trovano degli agnelli. Le pecore avanzano, alcune pascolando. Ma le più tengono le teste alzate, come se guardassero attentamente la Signora con la croce. Ci sono anche pecore che sono distese a terra e guardano la Signora con la testa alzata.

Poi la Signora mi dice: "Figlia mia, fissa bene quest'immagine nella tua memoria e trasmettila bene. Il gregge rappresenta i popoli di tutto il mondo, che non troveranno pace finché non si prostreranno rivolgendo lo sguardo verso la croce, il centro di questo mondo".

"Ora guarda le mie mani e di' ciò che vedi". Ora nel centro delle mani è come se vi fosse una ferita e da ogni mano scaturiscono tre raggi, i quali sembrano irradiarsi sulle pecore.

La Signora sorride e dice: "Questi sono tre raggi, i raggi di Grazia, Redenzione e Pace. Per mezzo della grazia del mio Signore e Maestro, il Padre mandò, per amore dell'umanità, il Suo unico Figlio sulla terra quale Redentore. Ambedue vogliono ora inviare il Vero Spirito Santo, solo Lui può portare la Pace. Allora: Grazia, Redenzione, Pace.

Il Padre e il Figlio vogliono inviare in questo tempo Maria, la Signora di tutti i Popoli, quale Corredentrice, Mediatrice, Avvocata. Con ciò ti ho dato una chiara e precisa spiegazione di questa immagine. Con questo l'immagine è completa. Tu, figlia, sei lo strumento, solo lo strumento, per comunicare queste cose. Provvedi affinché la preghiera, che in maniera breve e potente chiede che venga mandato il vero Spirito Santo, venga al più presto divulgata.

Di' al tuo padre spirituale e a tutti coloro che collaborano, che io prometto di dare grazie per l'anima e il corpo, secondo la volontà del Figlio, a tutti quelli che pregheranno davanti a questa immagine invocando Maria, la Signora di tutti i Popoli.

Non dovete considerare questo come qualcosa che è riservato a una cerchia limitata. Io sono la "Signora di tutti i Popoli". Questa immagine deve andare di nazione in nazione, di città in città. Questo è il significato dell'opera di redenzione. Adesso mi rivolgo al tuo padre spirituale e agli altri collaboratori. Voi conoscete il vostro dovere: non abbiate esitazione a compiere quanto ho detto. Voglio ripetere ancora una volta la promessa a tutti coloro che sono bisognosi nello spirito e nel corpo che li aiuterò se faranno la mia volontà, che è la volontà del Padre".

Adesso la Signora attende un attimo, guardando davanti a sé, poi prosegue: "Teologi, voi non avrete alcuna difficoltà se considererete che il Signore e Maestro ha già predestinato la Signora per il sacrificio: la spada era già diretta al cuore della Madre. Con ciò voglio dire che ho sempre preceduto il Figlio nelle sofferenze spirituali e fisiche.

E ora mi rivolgo alle donne di questo mondo: donne di questo mondo, sapete voi cosa significa essere donne? Significa sacrificio. Abbandonate il vostro egoismo e la vostra vanità e preoccupatevi di portare i bambini e coloro che ancora vagano sperduti, alla croce, il centro di tutto. Sacrificatevi anche voi. Poi mi rivolgo agli uomini di questo mondo. Io dico loro: uomini, da voi deve venire la forza e la volontà per portare il mondo all'unico Sovrano di questo mondo, al Signore Gesù Cristo.

Figlia, ti ho spiegato che cosa significherà per il mondo questo messaggio: tu devi, tramite il tuo padre spirituale ed altri, preoccuparti che questo venga reso noto al mondo. Questo è il mio desiderio per oggi. Voglio essere la Signora di tutti i Popoli. Agisci prontamente e con mezzi moderni".

Mentre la Signora si allontana lentamente dice ancora: "Questo tempo è il Nostro tempo".

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva