Quattordicesima visione - 26 dicembre 1947

 

Vedo d'un tratto una forte luce e sento dolore alla mano; sembra un fascio di raggi. Poi vedo la Signora che dice: "Verranno catastrofi, da Nord a Sud, da Sud a Ovest e da Ovest a Est". Poi vedo una cupola rotonda. Mi sembra che sia una cupola di Gerusalemme. Sento: "All'interno e attorno a Gerusalemme avranno luogo violente battaglie". Subito vedo distintamente il Cairo. Ciò mi dà una strana sensazione. Poi vedo ogni sorta di tribù orientali, Persiani, Arabi, ecc. Poi la Signora dice: "Il mondo sarà come diviso in due parti". Ora vedo il mondo davanti a me e su di esso appare un grande squarcio. Al disopra vedo pesanti nuvole e sento molto dolore e una grande miseria.

Sento la Signora dire: "Verrà molto dolore e molta miseria". Poi vedo città orientali e case con tetti bianchi. Sento nella mano una cosa pesante e mentre la guardo vi appare una croce. Devo porla in terra. La croce è pesante e oscilla continuamente da sinistra a destra, avanti e indietro. Per un attimo sembra come se cadesse in avanti, ma poi si alza ed è come se fosse più leggera e si trovasse salda nel suolo.

Ora devo guardare per terra e ci vedo giacere ossa e elmetti, sotto la croce. Poi ricevo una grande chiave nella mia mano. La lascio cadere immediatamente e cade fra le ossa e gli elmetti. Poi vedo file di ragazzi sfilare davanti a me; sono soldati. Sento quella voce dire: "Bisogna dare ai nostri ragazzi aiuto spirituale". Poi vedo sorgere tombe bianche, ovunque piccole croci bianche.

Poi sento dolore alla mano e vedo l'America e l'Europa l'una accanto all'altra. Poi vedo scritto: "Guerra economica, boicottaggio, valute, calamità". Poi vedo numerose figure che turbinano mischiandosi rapidamente. Le prime che posso distinguere sono fiaccole che emettono luce verso tre direzioni. A Ovest, a Nord e a Est. Poi vedo incrociarsi strisce azzurre e bianche e poi stelle. Poi vedo la falce e il martello, ma il martello si divide dalla falce e ora tutto ciò turbina alla rinfusa. Poi vedo una mezzaluna ed un sole; anche questi entrano nel movimento rotatorio. Poi viene una specie di stambecco o camoscio che con un salto attraversa quest'insieme. Mentre tutto ciò turbina come una bufera, a sinistra viene un cerchio e attraverso quello vedo girare il globo.

Poi sopravviene una grande freccia. Sento dire: "La meridiana ha invertito il suo movimento". Questa immagine sparisce e poi vedo qualcosa che somiglia a un sigaro o a un siluro che mi passa accanto volando così veloce che riesco a malapena a scorgerlo. Il suo colore sembra quello dell’alluminio. Poi lo vedo esplodere. Percepisco qualcosa con la mano e ho diverse terribili sensazioni. Dapprima una insensibilità completa. Vivo e tuttavia non vivo. Poi vedo davanti a me dei volti (volti gonfi) coperti di terribili ulcere; sembra una specie di lebbra. Poi ho come una sensazione di terribili malattie (colera, ecc.).

Poi vedo girare intorno a me piccoli oggetti neri. Non posso distinguerli con gli occhi ed è come se ora dovessi guardare attraverso qualcosa. Poi vedo campi bianchi molto brillanti e su questi dei piccoli oggetti, ma ingranditi. Non so come interpretarli (Bacilli? chiedo). La Signora dice: "È infernale".

Sento, per cosi dire, gonfiarsi il mio viso e ho l'impressione di avere un viso molto grosso. È tutto gonfio e interamente rigido. Non posso muovermi. Sento la Signora dire: "E questo lo stanno inventando" e poi a voce molto bassa: "I russi, ma anche gli altri". Poi la Signora dice: "Popoli, siete avvertiti". E quindi la Signora se ne va.

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva