Undicesima visione - 4 gennaio 1947

 

Vedo la Signora. Dice: "Cerchino sostegno nella Verità". Mi fa sentire per cosi dire la mia mano sopra il mondo, il che mi causa un dolore atroce. La Signora dice di nuovo: "Questo è il mondo di adesso". E poi ci passo per così dire di nuovo la mano sopra e la Signora dice: "Questo è il mondo che verrà dopo, è molto pesante. Il mondo si autodistruggerà". Poi la Signora prende il globo nella sua mano e lo gira. Poi dice: "Deve migliorarsi, ma ..."; guardo ciò che la Signora indica e vedo d'un tratto ogni sorta di Chiese con nel centro Roma. La Signora dà un altro avvertimento concernente Roma. Dice: "Roma, sei avvertita".

Poi vedo la Chiesa inglese e noto che in essa avviene un cambiamento. La Signora si avvicina di un passo e dice: "Guarda".  Improvvisamente vedo un gruppo di campanili di chiese molto vicini gli uni agli altri. Intorno ad essi la Signora pone una fascia di ferro. Guardiamo assieme e la Signora dice tre volte di seguito: "In alto".

Poi si mette a scrivere delle parole al disopra di quella chiesa e leggo a voce alta: "Carità". Scrive questo al disopra e in mezzo alle torri. Poi scrive a destra, ma più in basso: "Giustizia", poi va a sinistra e là scrive: "Verità".

Intanto sento la Signora dire: "Tutto ciò non lo si è ancora fatto, quante volte l'ho già detto?". E scuote il capo con un'espressione compassionevole. D'un tratto vedo di nuovo Roma. La Signora la indica e dice: "Non mi stancherò mai di avvertire che devono mettere in pratica tutto ciò nella maniera giusta". In seguito vedo accadere grandi cambiamenti, che la Signora mi mostra.

Vedo quanto segue: grandi onde rosse che penetrano sempre più profondamente. Le vedo avanzare sempre più. Sento la Signora dire: "Ciò è buono ma... più spirituali, veramente nella verità, nella giustizia e nella carità". Poi è come se vedessi venire, qualche anno più tardi, tendenze spirituali molto diverse. La Signora allora dice: "Avverto Roma un'altra volta; debbono vedere con spirito aperto, ma..." e mentre la Signora pone l'accento su queste parole, improvvisamente tutto scompare.

 


Pagina precedente Pagina principale Pagina successiva